Alberghi: cumulabile bonus hotel e super-ammortamento L'Agenzia delle Entrate chiarisce che gli alberghi possono beneficiare sia del bonus hotel sia del super-ammortamento sui medesimi investimenti.

La Risoluzione 118/E del 15 settembre 2017 dell’Agenzia delle Entrate chiarisce che gli alberghi possono cumulare, sui medesimi investimenti, il credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive, il c.tto “bonus hotel”, con il super-ammortamento.

Si ricorda che tali agevolazioni sono previste, rispettivamente, dall’art. 10 D.L. n. 83/2014 e dall’art. 1, commi da 91 a 94 della legge n. 208/2015.

I dubbi dei contribuenti sono sorti a seguito del D.M. 7 maggio 2015, attuativo del credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive, che pattuisce la non cumulabilità con altre agevolazioni. Infatti, l’art. 3, comma 3 del citato D.M. stabilisce che il bonus è alternativo e non cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con altre agevolazioni di natura fiscale.

Tuttavia, tale disposizione esclude la cumulabilità con “le sole misure agevolative già in vigore al momento dell’emanazione del Decreto ed aventi il medesimo ambito soggettivo, oggettivo e temporale di applicazione del credito d’imposta di cui all’art. 10 del D.L. n. 83/2014 nonché le stesse finalità di quest’ultimo”. Ad esempio, il bonus hotel non è cumulabile con la detrazione del 65% delle spese di riqualificazione energetica riconosciuta anche in favore dei contribuenti titolari di reddito d’impresa per gli interventi effettuati sugli immobili strumentali.

Invece, il “bonus hotel” è cumulabile con il “super-ammortamento” previsto dalla Legge di Stabilità 2016, poiché perseguono finalità del tutto diverse e tali da non poter ritenere le due agevolazioni alternative tra loro, sebbene le spese ammissibili alle stesse possano incidentalmente coincidere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *