Ricevi il 5 per Mille: presenta la domanda A partire dal 3 aprile 2017, gli Enti di Volontariato e le A.S.D. possono presentare domanda per la ripartizione del 5 per mille relativo all'anno finanziario 2017.

I contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef versata a finalità di interesse sociale.

Per partecipare alla ripartizione del 5 per mille, relativo all’anno finanziario 2017, possono presentare la domanda di iscrizione gli Enti del Volontariato e le Associazioni Sportive Dilettantistiche di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a) e lettera e), del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010.

In particolare, gli Enti del Volontariato interessati sono:

  • le organizzazioni di volontariato di cui alla legge n. 266 del 1991;
  • le ONLUS di cui all’art. 10 del D. Lgs. n. 460 del 1997;
  • le cooperative sociali e i consorzi di cooperative sociali di cui alla legge n. 381 del 1991;
  • le organizzazioni non governative già riconosciute idonee ai sensi della legge n. 49 del 1987 alla data del 29 agosto 2014 e iscritte all’Anagrafe unica delle ONLUS;
  • gli enti ecclesiastici delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti accordi e intese, considerate Onlus parziali ai sensi del comma 9 dell’art. 10 del D. Lgs. n. 460 del 1997;
  • le associazioni di promozione sociale le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal Ministero dell’Interno, considerate Onlus parziali ai sensi del comma 9 dell’art. 10 del D.Lgs. n. 460 del 1997;
  • le associazioni di promozione sociale, iscritte nei registri previsti dall’art. 7, commi 1, 2, 3 e 4 di cui alla legge n. 383 del 2000;
  • le associazioni e fondazioni di diritto privato che operano nei settori di cui all’art. 10, comma 1, lettera a), del D.Lgs. n. 460 del 1997.

Le Associazioni Sportive Dilettantistiche che possono presentare domanda di iscrizione sono quelle riconosciute ai fini sportivi dal CONI e che svolgono una rilevante attività di interesse sociale. In particolare, ai sensi del DM 2 aprile 2009, come modificato dal DM 16 aprile 2009, accedono al beneficio le A.S.D.:

  • nella cui organizzazione è presente il settore giovanile;
  • sono affiliate ad una federazione sportiva nazionale o ad una disciplina associata o ad un ente di promozione sportiva riconosciuti dal CONI;
  • che svolgono prevalentemente una delle seguenti attività: avviamento e formazione allo sport dei giovani di età inferiore a 18 anni; avviamento alla pratica sportiva in favore di persone di età non inferiore a 60 anni; avviamento alla pratica sportiva nei confronti di soggetti svantaggiati in ragione delle condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari.

 

Non devono ripresentare la domanda di iscrizione gli enti inseriti nell’apposito elenco pubblicato sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it entro il 31 marzo 2017.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda d’iscrizione per ricevere il 5 per mille va presentata all’Agenzia delle Entrate, a partire dal 3 aprile 2017 ed entro il 8 maggio 2017. La domanda va trasmessa telematicamente direttamente dai soggetti interessati, se abilitati ai servizi Entratel o Fisconline, oppure tramite gli intermediari abilitati ad Entratel.

Per la compilazione va utilizzato il software “Domanda 5 per mille”  reso disponibile dall’Agenzia delle entrate. A fronte della domanda di iscrizione correttamente presentata, verrà rilasciata un’attestazione di avvenuta ricezione. Qualora i dati del rappresentante legale che ha sottoscritto la domanda differiscano dalle risultanze dell’Anagrafe Tributaria, la ricevuta segnala la difformità riscontrata. In tal caso, il rappresentante legale dovrà provvedere a regolarizzare la propria posizione presso qualsiasi Ufficio dell’Agenzia delle entrate.

Nel caso siano pervenute più domande per lo stesso ente, si considera valida l’ultima trasmessa e accolta dal sistema. Qualora la domanda di iscrizione accolta sia stata erroneamente inviata, è possibile richiederne l’annullamento entro il termine dell’8 maggio 2017, utilizzando i servizi telematici Entratel e Fisconline.

Possono comunque partecipare al riparto delle quote del cinque per mille gli enti che presentino le domande di iscrizione e provvedano alle successive integrazioni documentali entro il 2 ottobre 2017, versando contestualmente una sanzione di importo pari a 250 euroutilizzando il modello F24 con il codice tributo 8115. In tal caso, i requisiti sostanziali richiesti per l’accesso al beneficio devono essere comunque posseduti alla data di scadenza della presentazione della domanda di iscrizione (8 maggio 2017).

 

ADEMPIMENTI SUCCESSIVI

Entro il 30 giugno 2017,

  • il legale rappresentante degli enti del volontariato iscritti deve trasmettere con raccomandata A.R. o mediante PEC (riportando in oggetto la dicitura “dichiarazione sostitutiva 5 per mille 2017” e allegando copia del modello di dichiarazione sottoscritto dal rappresentante legale e copia del documento di riconoscimento), alla Direzione Regionale dell’Agenzia delle entrate nel cui ambito si trova il domicilio fiscale dell’ente, la dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell’articolo 47 del DPR n. 445/2000, attestante la persistenza in capo all’ente dei requisiti che danno diritto all’iscrizione;
  • il legale rappresentante delle associazioni sportive dilettantistiche iscritte deve trasmettere a mezzo raccomandata A.R., all’Ufficio del CONI nel cui ambito territoriale si trova la sede legale dell’associazione la dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi dell’articolo 47 del DPR n. 445/2000, attestante la persistenza in capo all’ente dei requisiti che danno diritto all’iscrizione.

Ai fini dell’assolvimento dell’obbligo, può essere utilizzato il modello reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate.

Gli elenchi degli enti iscritti a ricevere quota del 5 per mille sono pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 14 maggio 2017. Per ciascun soggetto sarà riportata l’indicazione della denominazione, del codice fiscale e della sede. Le correzioni di eventuali errori contenuti negli elenchi possono essere richieste, entro il 22 maggio 2017, dal legale rappresentante del soggetto richiedente ovvero da un suo incaricato munito di delega, presso la Direzione regionale dell’Agenzia delle entrate nel cui ambito territoriale si trova il domicilio fiscale dell’ente stesso. Gli elenchi definitivi dei soggetti iscritti, sono pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 25 maggio 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *