Bonus Idrico 2017: domande entro il 15 novembre Entro il 15 novembre 2017 è possibile presentare la domanda presso il proprio comune di residenza per ottenere il "Bonus Idrico".

Il Commissario Straordinario dell’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano ha adottato la deliberazione n. 19/2016, con la quale sono state destinate risorse economiche per il finanziamento di agevolazioni tariffarie a carattere sociale, il cosiddetto “Bonus Idrico”.

Sono destinatari del “Bonus Idrico” i nuclei familiari, titolari di un contratto di fornitura per “Uso Domestico Residente” ovvero un contratto attivo di tipo condominiale, residenti in uno dei Comuni appartenenti all’Ambito distrettuale “Sarnese Vesuviano” e in possesso, alla data di pubblicazione del presente bando, di uno dei seguenti requisiti:

  • disagio economico: dimostrabile con un’attestazione I.S.E.E. in corso di validità di valore inferiore ad € 8.107,50, elevabile ad € 20.000 per le famiglie numerose (ossia con almeno quattro figli a carico);
  • disagio fisico: nel caso di una grave malattia che costringa all’utilizzo di elevate quantità di acqua necessarie per ridurre al minimo il disagio fisico stesso.

Il beneficio può essere assegnato alla sola utenza riferita all’abitazione principale di residenza.

Gli interessati all’assegnazione del “Bonus Idrico” devono presentare istanza al Comune di residenza, entro e non oltre il 15 novembre 2017, utilizzando l’apposita modulistica reperibile:

  • sul sito internet di GORI S.p.A.;
  • sul sito internet dell’Ente d’Ambito;
  • presso gli sportelli al pubblico di GORI S.p.A.;
  • eventualmente presso gli Uffici dei Servizi Sociali dei comuni.

L’importo del “Bonus Idrico” sarà erogato:

  • per gli utenti titolari di un contratto attivo di fornitura per “Uso Domestico Residente”: a compensazione delle fatture emesse successivamente all’assegnazione dell’agevolazione;
  • per gli utenti alimentati da un contratto attivo di tipo condominiale: a compensazione delle fatture condominiali emesse successivamente all’assegnazione dell’agevolazione. In tal caso, sarà responsabilità dell’amministratore provvedere alla corretta ripartizione degli importi tra i condomini;
  • gli assegnatari dell’agevolazione che non risultano in regola con i pagamenti delle fatture emesse negli anni oggetto del “Bonus Idrico” e non contestati in via giudiziaria alla data di pubblicazione del presente bando, il Gestore provvederà prioritariamente a compensare gli importi insoluti fino al loro esaurimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *