Voucher a fondo perduto per l’internazionalizzazione Il Mise ha previsto la concessione di voucher a fondo perduto al fine di favorire i processi di internazionalizzazione del PMI.

Il Ministero dello Sviluppo Economico con il D.M. 17 luglio 2017 ha previsto la concessione di contributi a fondo perduto a forma di voucher a favore delle PMI per l’acquisizione, a seguito della sottoscrizione di un apposito contratto di servizio, di prestazioni consulenziali, erogate esclusivamente dalle società di “Temporary Export Management” attraverso la messa a disposizione di uno o più TEM e finalizzate a sostenere i processi di internazionalizzazione dei soggetti beneficiari, attraverso attività di analisi e ricerche di mercato, di individuazione e acquisizione di nuovi clienti, di assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale e di trasferimento di competenze specialistiche in materia di internazionalizzazione d’impresa.

Beneficiari

Possono beneficiare del voucher le PMI che, alla data di presentazione della domanda, sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in stato di attività e risultare iscritte al registro delle imprese;
  • non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  • risultare in regola con  il  versamento  dei  contributi previdenziali;
  • avere conseguito un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a euro 500.000, con riferimento all’ultimo esercizio contabile chiuso;
  • non aver beneficiato di un importo complessivo di aiuti «de minimis» che, unitamente all’importo delle agevolazioni in questione, determini il superamento del massimale di cui all’art. 3, paragrafo 2 del Regolamento de minimis;
  • non rientrare tra le imprese attive nei settori esclusi all’art. 1 del Regolamento de minimis;
  • non aver ricevuto, per le spese oggetto delle agevolazioni concesse a valere sul presente decreto, altri contributi pubblici.

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse sotto forma di:

  • contributi «voucher early stage», di importo pari a euro 10.000,00, a fronte di un contratto di servizio con la società di TEM di importo almeno pari, al  netto dell’IVA, ad euro 13.000,00;
  • contributi «voucher advanced stage», di importo pari a euro 15.000,00, a fronte di un contratto di servizio con la società di TEM di importo almeno pari, al  netto dell’IVA, ad euro 25.000; l’importo può essere elevato a euro 30.000,00 sotto specifiche condizioni.

Spese ammissibili

Sono ammissibili ai contributi le spese relative ai servizi di affiancamento all’internazionalizzazione erogati da una delle società di Temporary Export Management per il tramite della figura professionale del TEM e per effetto della sottoscrizione di un apposito contratto di servizio.

Presentazione della domanda

Le domande per accedere alla misura possono essere compilate a partire dalle ore 10.00 del 21 novembre 2017. Ai fini della trasmissione delle istanze, lo sportello verrà aperto alle ore 10.00 del 28 novembre 2017 per essere chiuso alle ore 16.00 del 1° dicembre 2017. Tutta la procedura dovrà avvenire telematicamente nell’apposita sezione “Voucher per l’internazionalizzazione” del sito internet del Ministero.

Le agevolazioni sono concesse entro sessanta giorni dal termine ultimo per la presentazione delle domande. Successivamente, entro sessanta giorni dalla data  di  concessione  delle agevolazioni, i soggetti beneficiari sono tenuti a trasmettere, a pena la decadenza, il contratto di servizio stipulato con una delle società di Temporary Export Management presenti in un apposito elenco ministeriale previsto dall’art. 6 del D.M. 17 luglio 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *